Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorarne l'esperienza di navigazione e consentire a chi naviga di usufruire dei nostri servizi online. Se prosegui nella navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Significati generali del termine “Sé”

Varie discipline nel tempo si sono occupate del concetto di “Sé”. Essendo tale argomento ampiamente trattato, oltre che in campo psicologico-psicoanalitico anche in campo filosofico, ed avendo assunto all’interno dei singoli orientamenti significati non sempre equiparabili, al momento manca una definizione univoca del termine.

Distinguendo tre campi principali entro cui viene trattato il Sé, possiamo affermare che «esiste un Sé psicoanalitico, un Sé nello sviluppo, un Sé biologico e immunologico» (Ammaniti, 1989, p. 1).

In generale, il Sé denota per le diverse prospettive storico-culturali un artefatto che permette di caratterizzare l’unicità, l’individualità e la specificità dell’essere umano riconosciuto nelle sue componenti biologiche e psicologiche.

Nonostante una riflessione filosofica possa essere del tutto degna di nota, la nostra breve analisi introduttiva si articolerà all’interno dell’ambito psicologico e, in particolare, psicoanalitico. Tale scelta non ha la pretesa di coprire ogni aspetto del Sé ma si pone come linea guida verso la comprensione del significato di Sé come inteso da Winnicott, ovvero una pura esperienza soggettiva che non implica il riferimento a strutture oggettive. 

In questo scritto verranno esposte in chiave storica le linee generali della psicoanalisi; il riferimento alla vita del suo autore, S.Freud, e al contesto in cui tale disciplina è nata, Vienna, sono imprescindibili per la comprensione della psicoanalisi più che per altre teorie. Non potendo trattare gran parte della vastissima popolazione di persone che hanno contribuito al movimento psicoanalitico, l’attenzione è stata rivolta verso coloro che sono rilevanti per quanto esposto. Alcune citazioni dallo stesso Freud sono state riportate con lo scopo di permettere una più lineare esposizione degli aspetti di volta in volta trattati. Consci delle moderne critiche mosse nei confronti della psicoanalisi, il presente elaborato la tratterà nella sua formulazione originaria con l’unico scopo di evidenziare le basi della teoria da cui autori successivi hanno preso spunto. Il tema dell’inconscio come insieme di vissuti da reintegrare per il completamento della nostra storia e per l’accettazione del bambino che è in noi sarà il mezzo che ci condurrà dalla storia della psicoanalisi al raggiungimento del nostro obiettivo.

 

Una lettura  winnicottiana del romanzo “Narciso e Boccadoro” (H.Hesse)

 

Scorrendo il romanzo di Narciso e Boccadoro incontriamo un mondo particolare, definito su un piano narrativo ma non precisamente determinato da un punto di vista psicologico, ricco di particolari e allo stesso tempo povero di certezze.

Nonostante ad una prima e superficiale lettura possa apparire uno scenario chiaro, dettato dalla storia di due giovani personaggi che incrociano la propria esistenza in un preciso momento della loro evoluzione, quello che emerge progressivamente è una configurazione di vissuti psicologici difficilmente interpretabili su un piano prettamente razionale, ma che riesce ad esprimere con inattesa chiarezza un mondo sentimentale assai denso e complesso.

Pagina 2 di 2

Contatti

Dott. Manuele Matera
Psicologo Psicoterapeuta
Tel. 347 7594948
manuele.matera@gmail.com


Dott.ssa Chiara Giustini
Psicologa Psicoterapeuta
Tel. 329 7237166
chiara.giustini@gmail.com

Chiedi agli esperti

Psicologicamente instabile

Buongiorno dottore, vorrei chiederle un aiuto.
Sono una ragazza di 19 anni che cerca di vivere una vita serena e felice e compiere il proprio percorso di studi in modo efficace e serenamente.
Purtroppo quest'utopia è lontana dalla mia situazione attuale; le spiego meglio:
Durante le mie giornate mi sento del tutto demotivata, non riesco a compiere nulla in modo efficace e vorrei rimanere solamente stesa sul mio letto e aspettare che la giornata scorri velocemente. Mi sento sempre triste e piango spesso. Mi sento semplicemente un problema per tutti e credo che la cosa migliore sarebbe che non esistessi (nonostante ciò la mia voglia di cambiare persiste). Sento di non essere all'altezza di nulla, nemmeno di studiare e ho perennemente il pensiero che il mio percorso accademico sfoci nei pressi di un profondo burrone. Non so come rendere la mia vita serena e piena di attività produttive che stimolino la mia voglia di fare, distruggendo i miei pensieri negativi. Attualmente penso solo di essere un errore e nient'altro. Penso di non riuscire a ottenere buoni risultati in nulla e alla fine va a finire così. Sono solamente demoralizzata e incapace di dare una svolta alla mia vita. La prego di aiutarmi.
Cordiali saluti.

Leggi tutto...

Free Joomla! template by L.THEME