Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorarne l'esperienza di navigazione e consentire a chi naviga di usufruire dei nostri servizi online. Se prosegui nella navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.

L'egocentrismo di mia sorella

"Mia sorella maggiore (sposata con figlio) ha un comportamento estremamente egocentrico che rende impossibile il dialogo. Per questo soprattutto ha rotto da un anno con la sorella più piccola (o meglio: la sorella più piccola dopo tentativi di ingerenza nelle sue scelte alquanto violenti non vuole più rapporti con lei). E' capace di tenermi al telefono per 2-3 ore esponendo il frutto di suoi lunghi rimuginamenti, in cui ha sempre ragione lei, mistificando notevolemente la realtà e "montandosi" sempre di più. Non lascia parlare nessuno, se si parla non ascolta, rifiuta categoricamente di mettersi in discussione e dà in escandescenze se si cerca di indurvela. Io non so più come fare.

Proprio pochi giorni fa me ne ha dette di tutti i colori perché, secondo lei, ho riferito all'altra sorella cose che lei ha fatto con malignità, allo scopo di metterla in cattiva luce, mentre è da un anno che faccio del mio meglio per mediare fra loro due. Siccome le ho fatto notare che non sopportiamo più che con lei finisca sempre a urli, ha detto che non è lei che sbaglia ma sono io che sono "melensa" e "subdola" perché non urlo. Del marito non mi fido molto: sospetto che in varie occasioni di disaccordo abbia "soffiato sul fuoco" (impressione che recentemente mi ha confermato la migliore amica di mia sorella), anche lui è prepotente e quando vuole aver ragione urla, nella loro famiglia vince chi urla più forte. Più di una volta mia sorella ha giustificato un cedimento ai voleri del figlio (per esempio quando si rifiutava di studiare) adducendo che aveva "dato fuori di matto", come se si trattasse di una motivazione del tutto pacifica e soddisfacente. Io mi rendo conto che i rapporti fra noi sono stati spesso difficili, e in passato ammetto di aver provato una certa soddisfazione che si mostrasse anche agli altri prepotente come io la conoscevo da sempre . Però da un pezzo su questo sentimento prevale in me il desiderio di avere un rapporto più adulto, di salvare il legame familiare che ci resta [...]. La nostra nonna materna, che ha vissuto con noi quando eravamo bambine, aveva comportamenti molto simili e per anni ha reso difficile la vita di nostra madre con frequenti scenate"


Risponde la Dott.ssa Chiara Giustini:

Cara [...], quello che emerge dal suo racconto è il suo desiderio di preservare un legame fraterno dopo la morte dei genitori. Per portare avanti questo suo intento sembra mettersi nel ruolo di "mediatore familiare" o ponte comunicativo tra la sorella maggiore e quella minore, esponendosi alle "scenate o ai rimuginamenti", a molte sofferenze e al senso di impotenza di chi cerca di "mediare/aggiustare" una situazione familiare contando sulle proprie forze. Cercado di portare la barca avanti ma "remando da sola". Comunque lei ha contatti , anche se faticosi, con entrambi le sue sorelle.
Leggendo la sua domanda mi è venuto in mente l'immagine di un "teatro familiare" dove ognuno è incastrato, bloccato nel proprio ruolo, ovvero lei la Mediatrice, sua sorella maggiore "l'Egocentrica protagonista" e sua sorella minore "la vittima che si è ribellata". Credo che se questa mia ipotesi possa calzare con la realtà, agire sulla "egogentrica protagonista" comporti la fatica di confrontarsi con un "muro di gomma". Questo ci invita a riflettere sul limite umano di non poter "cambiare chi cambiare non vuole" o "aiutare chi non vede le proprie difficoltà". La sfida che ci attende è provare ad accettarlo. A questa protagonista viene dato "molto potere" dal fatto di trovarsi al centro della "scena" e tutti gli altri girino intorno a lei, in un modo o nell'altro. Con la vicinanza di chi media o con la lantananza di chi la rifiuta.... Dove la comunicazione e le relazioni appaiono come una sorta di triangolo...cioè una parla dell'altra quando questa manca.
Una possibilità, tra le tante, per stemperare gli animi e portare un cambiamento positivo nelle relazioni è che gli altri inizino a modificare il proprio ruolo.
Mi spiego meglio." la mediatrice" potrebbe iniziare a rappresentare solo se stessa nelle relazioni e tutte le comunicazioni che la "triangolino" possano essere chiarite invitando chi sta parlando con lei a dire le cose direttamente all'interessato. Oppure *sottrarsi in modo adeguato* dalla *funzione terapeutica* di "_ascolto delle ruminazioni e delle mistificazioni_" o _abbandonare l'idea di "farla mettere in discussione"_. Oppure cercare di *tutelare se stessi* evitando le prepotenze o le ingiurie, stabilendo un limite di rispetto.
Oppure la "vittima che si è ribellata" potrebbe, se motivata a farlo per se stessa, comprendere che si può dire "NO alle ingerenze violente" anche avendo un rapporto con "l' egocentrica protagonista" e delineare il proprio confine personale nel rapporto con la sorella. Oppure che con l'aiuto del tempo, possa comprendere che tenersi nel cuore rancori, rimpianti o dispiaceri per un rapporto affettivo interrotto è, per se stessa, non positivo. Forse è possibile trovare un modo diverso, trovare anche con fatica un nuovo equilibrio tra l'accettare "l'egocentrica protagonista" con i suoi difetti e il continuare a "scegliere con la propria testa".
Spero che la lettura dell'ipotesi familiare che ho intravisto tra le sue righe possa averle aperto nuove possibilità, nuove strade più serene per se stessa e per le sue sorelle.
Cari auguri, Chiara Giustini.

Contatti

Dott. Manuele Matera
Psicologo Psicoterapeuta
Tel. 347 7594948
manuele.matera@gmail.com


Dott.ssa Chiara Giustini
Psicologa Psicoterapeuta
Tel. 329 7237166
chiara.giustini@gmail.com

Chiedi agli esperti

Un padre violento

Ho 19 anni e sono fidanzata da piu' di un anno cn un ragazzo di 28...ultimamente mio padre(dopo un litigio cn lui) nn me lo fa piu' vedere e mi tiene rinkiusa in casa... premetto ke cn mio padre nn ho mai avuto un bel rapporto, mi ha sempre maltrattata nonostante in passato durante la mia infanzia sia stato in comunita' in conseguenza a problemi di alcool e di violenza nei confronti di mia madre. Io cn lui nn ho nessun tipo di rapporto mi tratta sempre male psicologicamente e anke a mia madre...e ora ha davvero esagerato xk nn ha mai fatto nulla x me e ora si xmette di decidere la mia vita e il mio futuro. Io la xsona cn cui sto la amo e lui altrettanto e nn posso stare senza vederlo quindi abbiamo deciso di andare a vivere insieme e stiamo cercando un appartamento. Lui lavora e anke il fratello gemello ci aiutera'... io studio ancora, frequento il liceo artistico e ho intenzione di continuare a studiare e di andare anche all'universita' di lettere e filosofia e di !
diventare professoressa di filosofia e anke il mio ragazzo mi tiene la mano in questo. La mia paura e' ke mio padre possa intralciarmi la strada, ke possa venire a cercarmi o addirittura mettere le mani addosso al mio ragazzo ( dato ke gia' mi ha minacciato di farlo anke solo se mi ci vedesse insieme). Ho xsino paura di andare a scuola, di muovermi x la citta'.Cosa mi consiglia di fare? Secondo lei io posso continuare a svolgere i miei impegni senza paura e nel caso chiamare i carabinieri oppure x qualche giorno sarebbe meglio restare in casa? Grazie in anticipo.

Leggi tutto...

Free Joomla! template by L.THEME