Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorarne l'esperienza di navigazione e consentire a chi naviga di usufruire dei nostri servizi online. Se prosegui nella navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Mio figlio si distrae

Gentile Dott.ssa,
le espongo il mio problema.
Mio figlio, 1a elementare, a scuola non va male,  però inspiegabilmente alle volte viene a casa senza aver combinato anche quasi nulla magari nelle prime due ore.
Cioè, a volte non si capisce cosa abbia fatto e lui risponde: mi distraggo.
Ho fatto presente la cosa all’insegnante di italiano che, avendo più ore con lui, è quella per la quale si verifica di più il problema, e dice  che è solo una questione di tempo, che si sveltirà. I voti sono buoni, le insegnanti sono contente, e poi sulle verifiche sembra concentrarsi in modo veramente inusuale per lui. Ha imparato a leggere prima di altri.
A casa poi non ne parliamo, la lentezza è estrema… soprattutto con noi genitori, sembra vivere in un altro mondo… faccia conto che io dalle 16 in poi sono sempre a casa, ma lo devo continuamente minacciare… e non va avanti anche se ha poca roba da fare… se ne ha tanta poi si spaventa del carico di lavoro! Insomma una lotta… continua.
Per il resto, a parte essere figlio unico, è un bambino socievole che cerca sempre  compagnia (ha già molti amichetti che vengono a casa o viceversa)… alzerebbe sempre la voce però… lo richiamo spesso… comunque a parte questo mamme e insegnanti mi dicono che è un bambino educato.
Grazie per qualsiasi consiglio.

 

Risponde la dott.ssa Chiara Giustini

Buongiorno,
per valutare se si tratti effettivamente di un problema di attenzione le consiglio di rivolgersi ad una mia collega vicino a lei specializzata in ADHD (Deficit di attenzione e iperattività). Esistono dei test specifici da fare con i bambini e dai loro risultati, se fossero positivi, si può fare un progetto di riabilitazione. Ovvero un percorso di lezioni tecniche dove si aiuta il bambino ad aumentare i livelli dell'attenzione e controllare l'iperattività. A scuola si può attivare un persorso chiamato Bisogni Educativi Speciali (BES) dove le maestre continuano a farli fare gli esercizi con  tecniche per aumentare l'attenzione.

Questo direi è un primo livello di cui accertarsi.

Successivamente vi è da valutare le dinamiche familiari. ovvero in alcuni casi i bambini attuano questi atteggiamenti disattenti o lenti per attrarre l'attenzione dei genitori in modo disturbante. Quindi in alcuni casi si lavora con la consulenza genitoriale per migliorare la relazione tra genitori e bambino su questi comportamenti.

Le  indico un link importante sia per noi professionisti, che per le maestre e i genitori dove vi sono libri e cd dedicati al tema:

http://www.erickson.it/Ricerca/Pagine/results.aspx?k=attenzione

Cari auguri a lei e suo figlio
dott.ssa Chiara Giustini

Contatti

Dott. Manuele Matera
Psicologo Psicoterapeuta
Tel. 347 7594948
manuele.matera@gmail.com


Dott.ssa Chiara Giustini
Psicologa Psicoterapeuta
Tel. 329 7237166
chiara.giustini@gmail.com

Chiedi agli esperti

Motivazione allo studio

Le risposte degli esperti

Ho un figlio di 13 anni in piena crescita fisica ed emotiva; fino alla prima media ha riscosso buoni risultati a scuola senza mai essere particolarmente studioso, dall'anno scorso però le cose sono cambiate: ha perso qualsiasi interesse per tutte le materie, passa per sfacciato e impertinente agli occhi dei professori e i risultati sono assolutamente insufficienti. Il problema non è solo suo ma di gran parte della classe. Io sono convinta che la "colpa" non sia tutta sua ma anche dei professori e della scuola che non si evolve, non comunica con i ragazzi, è sempre punitiva nei loro confronti: sono antiquati e non fanno niente per aggiornarsi alle nuove generazioni. Vorrei qualche consiglio per motivare il ragazzo in modo da poterlo aiutare in modo più consapevole. Grazie

Leggi tutto...

Free Joomla! template by L.THEME