Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorarne l'esperienza di navigazione e consentire a chi naviga di usufruire dei nostri servizi online. Se prosegui nella navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.

ono un ragazzo neolaureato, a maggio ho conseguito la laurea di primo livello in ingegneria e sono indeciso se continuare con la specialistica (mi viene il dubbio che perderò altro tempo)!!!
Da maggio ad ora ho cercato su internet delle offerte di lavoro nel mio campo, ma ho avuto solo due possibilità di colloquio (in una non era richiesta la mia figura, dell'altra, che non mi entusiasma più di tanto, verso fine mese avrò l'esito).
Vengo al dunque! Le scrivo perchè sto passando un periodo un po strano, vedo tutti gli amici che mi stanno attorno lavorare e studiare contemporaneamente e riuscire in entrambe le cose ed essere soddisfatti del loro impegno, mentre io non riesco in nessuna delle due(penso che non sia invidia, ma che mi sento inferiore).
L'altro giorno seduto sulla poltrona feci un elenco dei "sintomi del mio malore" che le riporto:

"Buon giorno vorrei porvi una domanda: mia figlia di 6 anni è lenta a scuola e anche con la testa tra le nuvole. Faccio un esempio: quando deve copiare alla lavagna incomincia a scrive una parola poi si ferma pensa a altro e rincomincia a scrivere e quindi non finisce il lavoro .Ho notato anche che confonde la A con O, può trattarsi di dislessia?"

"Salve! sono disperato e ho bisogno al piu' presto dell'aiuto di qualcuno. Ho 30 anni e non ho mai avuto una ragazza per colpa della mia timidezza e ho pochissimi amici e sono sempre da solo a casa con i miei genitori. E' da quando avevo 13 anni che mi masturbo parecchio.anni fa molto di piu'... oggi riesco a controllarmi meglio pero' mi sento sempre male dopo averlo fatto. Non subito dopo averlo fatto. Il giorno dopo e ho sempre le occhiaie e mi sento stanchissimo. Ho perso la voglia di fare anche le cose che mi divertivano e faccio fatica a lavorare e a relazionarmi con gli altri perche' non mi sento per niente bene e ho sempre queste occhiaie sempre piu' marcate.

"Buonasera vorrei porvi una domanda, ho una figlia, attualmente ha 14 anni, all'età di sei anni abbiamo diagnosticato la dislessia, fatto analisi e tutto quanto si potesse fare al livello medico, per lei abbiamo soltanto fatto logopedia per tre anni e una maestra il pomeriggio che potesse seguirla nei compiti. Questo fino alla seconda media. in terza media ha voluto fare da sola, i professori l'hanno aiutata ma a scuola non è brillante e sopratutto non ha molta voglia di fare. Ed è questo che non capisco se il deficit la stanca a tal punto da non voler studiare oppure è proprio lei. E' una ragazza intelligente, sveglia, cosa posso fare di più per lei? cosa mi consigliate? ha superato la disgrafia, ma la discalculia è un grosso problema"

"Mia sorella maggiore (sposata con figlio) ha un comportamento estremamente egocentrico che rende impossibile il dialogo. Per questo soprattutto ha rotto da un anno con la sorella più piccola (o meglio: la sorella più piccola dopo tentativi di ingerenza nelle sue scelte alquanto violenti non vuole più rapporti con lei). E' capace di tenermi al telefono per 2-3 ore esponendo il frutto di suoi lunghi rimuginamenti, in cui ha sempre ragione lei, mistificando notevolemente la realtà e "montandosi" sempre di più. Non lascia parlare nessuno, se si parla non ascolta, rifiuta categoricamente di mettersi in discussione e dà in escandescenze se si cerca di indurvela. Io non so più come fare.

Pagina 6 di 6

Contatti

Dott. Manuele Matera
Psicologo Psicoterapeuta
Tel. 347 7594948
manuele.matera@gmail.com


Dott.ssa Chiara Giustini
Psicologa Psicoterapeuta
Tel. 329 7237166
chiara.giustini@gmail.com

Chiedi agli esperti

Una situazione di angoscia e stress

Salve,sono una ragazza di 17 anni e ho urgentemente bisogno di un consiglio. Da tempo ormai a casa mia vivo una situazione di angoscia e stress tanto che a scuola piangevo spesso con l'educatrice e le chiedevo per la comunità nella quale lavora. I miei genitori di fronte ad altri sembrano perfetti ma poi in casa vivo e vedo sopratutto atti di violenza su mio fratello più grande e tutto questo mi si riversa addosso. Sto prendendo in considerazione l'idea di scappare di casa... altre alternative non le vedo. Cosa posso fare per andare via dai miei genitori e da tutta questa causa di male?

Leggi tutto...

Free Joomla! template by L.THEME