Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorarne l'esperienza di navigazione e consentire a chi naviga di usufruire dei nostri servizi online. Se prosegui nella navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Voglio fuggire di casa

Ho 20anni e non sono italiana. All'età di 6anni mi sono trasferita qui in italia con la mia famiglia perche mio padre aveva un lavoro fisso qui in italia e economicamente non ci potevamo lamentare, mio padre poi dopo diversi anni di lavoro ha deciso di mettersi in proprio, ha sempre lavorato ed è anche molto bravo. Non so perche vi scrivo a voi, solo che ho un bel problema grave e non vorrei essere noiosa pero ho letto il vostro annuncio e avevo bisogno di aiuto. Io e la mia famiglia siamo di fede muslumana, purtroppo un giorno ho incontrato un ragazzo e ora siamo innamorati e sono due anni ora che stiamo insieme ma tutto quanto senza che i miei genitori lo vengono a sapere (le donne muslumane non possono sposarsi o avere rapporti con nessun ragazzo al di fuori della propria religione).

L'unica colpa che ho è che sono innamorata di lui e i miei genitori sono venuti a scoprirlo tramite altre persone, quindi ora sto vivendo nell'inferno, non ho un buon rapporto con loro anzi mi dispiace che non mi accettano e non accettano lui (il ragazzo di cui vi parlo) quindi dopo diversi litigi ieri sera sono stata sincera dicendogli che volevo rimanere in Italia ma senza successo, per il resto della mia famiglia sono praticamente una "troia" scusate il linguaggio, quindi è una vergogna per i miei genitori, tutto cio perche sono muslumana, l'unica colpa che ho è perche ho provato un sentimento sincero, dopo che ieri sera ho espresso il mio pensiero mia madre ha cominciato a picchiarmi, e mia sorella piu piccola soffre a vedere queste cose (non abbiamo capito ancora bene che cosa ha) quindi è svenuta per terra ed ha cominciato a tremare e tutti dentro casa ci siamo spaventati, poi mio padre soffre di diabete purtroppo grave perche se io provo a dirgli di no lui anche si sente male, e anche lui si è sentito male e abbiamo dovuto soccorrerlo facendogli una puntura di insulina, ho dovuto cedere e dirgli che sarei tornata con loro in Egitto.
Oggi sono da sola con i miei pensieri, tornerò in Egitto per accontentare tutti e non me e vivrò come dicono loro. Ora mi faccio dei film, noi siamo ancora in Italia e se mi fanno tornare in Egitto con loro io voglio scappare ma purtroppo sarò sola li senza nessun aiuto e devo fare tutto da sola. Vorrei tanto trovare una soluzione senza ferire nessuno ma sembra impossibile. Scusate per il disturbo ma sono disperata perche io malgrado come mi trattano gli voglio bene, ma la loro vita non mi piace e non mi piace nemmeno stare con loro, all'età di 7 anni ho avuto diversi abusi da mio zio e i miei genitori non ne sono al corrente, non gliel'ho detto perche soffriranno e basta come hanno sempre fatto per colpa mia. Esiste un modo per scappare da tutto cio? Magari senza ferire nessuno? Non voglio essere una delusione per loro, vorrei che capissero che non posso dipendere dalla loro fede, e loro non mi accettano se decido di rimanere in Italia.. esiste una soluzione senza ferirenessuno o devo vivere la vita solo per accontentare loro e basta? 

 

Risponde il dott. Manuele Matera

Salve,

è davvero difficile provare a dirti qualcosa di semplice e immediato alla luce del racconto che ci hai fatto. L'incontro di culture e religioni differenti ci pone sempre più di fronte a problemi come quello che ci stai descrivendo, per niente scontato. Da una parte si trovano le richieste e le aspettative della famiglia, dall'altra i tuoi desideri e le tue emozioni. Per quanto l'istinto ci porti spontaneamente a suggerirti di seguire il tuo cuore, dall'altra parte è pur vero che un pezzo del tuo cuore è anche rivolto alla tua famiglia e quindi in ogni caso il rischio è di sentirsi destinati a decidere di che sofferenza soffrire più che di che gioia poter gioire. 
Dove vivi esiste qualche servizio territoriale, tipo un buon consultorio, dove potresti rivolgerti per farti aiutare concretamente ed emotivamente per questa importante questione? Non da meno anche la storia di abusi alla quale accenni meriterebbe di trovare uno spazio di ascolto e rielaborazione.
Spero che l'affetto dei genitori per una figlia alla fine possa prevalere su tutto, sulla cultura, sulla religione e sulle scelte di vita, così che finalmente possano incontrarsi due mondi, quello dei genitori e quello dei figli, in questo caso ancor più difficilmente avvicinabili di quanto già non lo siano di solito.
In bocca al lupo, di cuore,
M.Matera

Contatti

Dott. Manuele Matera
Psicologo Psicoterapeuta
Tel. 347 7594948
manuele.matera@gmail.com


Dott.ssa Chiara Giustini
Psicologa Psicoterapeuta
Tel. 329 7237166
chiara.giustini@gmail.com

Chiedi agli esperti

Sono obeso

Buongiorno,
sono un soggetto obeso, finisco con una dieta e rinizio un'altra e sempre più drastica della precedente...
vorrei avere qualche informazione per chiarirmi le idee sulle diete e imparare inoltre a calcolare quale dovrebbe essere il mio peso ideale.
Grazie.

Leggi tutto...

Free Joomla! template by L.THEME