Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorarne l'esperienza di navigazione e consentire a chi naviga di usufruire dei nostri servizi online. Se prosegui nella navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.

I ragazzi e il gruppo: il bullismo si può superare!

Il confine tra la corretta informazione e il risuonare ridondante del “coro” dei mass media diventa complesso da individuare. Il bullismo è diventato in alcuni periodi  un fenomeno “di moda” che vedeva gli adulti spettatori annichiliti. Non volendo cadere nella trappola mediatica del “pan-bullismo” il Centro Famiglia S. Anna ha  organizzato lo scorso aprile l’incontro “I ragazzi e il gruppo: il bullismo si può superare!”  aperto ai genitori e agli insegnanti. Lo spirito costruttivo che ha caratterizzato questa iniziativa ha reso possibile un approfondimento riflessivo sul bullismo e sulle risorse dei nostri ragazzi. Parlare di questo fenomeno e dei suoi aspetti è un punto di forza importante per poterlo conoscere, prevenire e, nel caso occorra, superare.

Il bullismo è l’espressione di un malessere sociale, sinonimo di un disagio relazionale che si manifesta soprattutto tra giovani e adolescenti, non circoscritto a particolari categorie sociali o anagrafiche. Volendone dare una definizione sintetica, un/a ragazzo/a è oggetto di azioni di bullismo, ovvero è prevaricato/a o vittimizzato/a, quando viene esposto/a ripetutamente, nel corso del tempo,  alle azioni offensive messe in atto da uno o più compagni (Olweus, 1996). In generale, i criteri che la comunità scientifica utilizza per demarcare il bullismo sono l’esistenza di uno squilibrio nel rapporto di forza tra le persone, l’intenzione di arrecare danno al più debole e il perdurare nel tempo dello squilibrio (Bacchini, 2000). Il significato dato oggi in Italia al termine bullismo deriva da quello anglosassone: bullying denota infatti una persona che usa la propria forza o potere per intimorire o danneggiare una persona più debole e sottolinea chiaramente la matrice relazionale del fenomeno. Le prepotenze messe in atto  possono essere fisiche, come agire direttamente la propria aggressività con botte, spinte etc.. e verbali, come mettere in giro voci denigratorie che tendono, in modo indiretto, a isolare la vittima.

I protagonisti principali sono il bullo o i bulli, la vittima e il gruppo di spettatori-osservatori. Tutti loro possono essere aiutati nel prender consapevolezza di ciò che gli sta accadendo, evitando far diventare il bullo “Il capro espiatorio”, e la vittima “l’iper-vittima lamentosa”.  D’altro canto gli adulti possono ascoltare e accogliere il messaggio di disagio e di richiesta di attenzioni che sta dietro a questo fenomeno. Ricerche hanno evidenziato che sia il bullo che la vittima hanno conseguenze negative di varia natura nel breve e medio periodo, con il rischio da adulti di rimanere incastrati nel  proprio ruolo.  Ciò indica l’inadeguatezza e l’infondatezza nel circoscrivere il  bullismo a  “una cosa da ragazzi che fortifica il carattere”.

Da quanto detto emerge chiaramente che il bullismo è un fenomeno preciso e delineato  dal quale va distinto la maggioranza dei litigi o conflitti episodici tra ragazzi/e.  Inoltre recenti studi (Menesini E, 2007) dimostrano l’efficacia delle strategie antibullismo basate sull’approccio istituzionale di politica scolastica, e sull’aspetto di potenziamento delle abilità emotive e sociali. In altre parole, aiutare i ragazzi a individuare i propri “potenziali umani” e a mettersi nei panni dell’ altro, ovvero a valorizzare le proprie capacità empatiche, facilita le relazioni con gli altri e può divenire il “motore” della mentalità antibullismo.

 

Bibliografia

Gini G. (2004) Bullying in italian schools: An overview of intervention programs. “School Psychology Internetional”, 25 (1), 106-116

Fonzi A.(2006)Bullismo. La storia continua. Psicologia contemporanea, 197, 28-35.

Fonzi A.(1997) Il bullismo in Italia. Giunti: Firenze

Fonzi A. (1999) Il gioco crudele. Giunti: Firenze

Menesini E.(2007). Strategie antibullismo.Psicologia contemporanea, 200, 18-25.

Menesini E.(2003) Bullismo: le azioni efficaci nella scuola. Erikson:Trento

Menesini E.(2000) Bullismo a scuola. Ragazzi oppressi, ragazzi che opprimono.  Giunti: Firenze

Olweus, D. (1996), Bullismo a scuola. Ragazzi oppressi, ragazzi che opprimono. Giunti: Firenze

 

Sitografia:

www.smontailbullo.it (Curato dal Ministero della Pubblica Istruzione)

Il cyberbullismo http://www.hot114.it/saperne_di_piu/rete/pagina26.html

Il fenomeno del bullismo conoscerlo e prevenirlo - I quaderni di telefono azzurro- http://www.azzurro.it/site/renderd27c.html?channel=8

www.bullismo.com

Contatti

Dott. Manuele Matera
Psicologo Psicoterapeuta
Tel. 347 7594948
manuele.matera@gmail.com


Dott.ssa Chiara Giustini
Psicologa Psicoterapeuta
Tel. 329 7237166
chiara.giustini@gmail.com

Chiedi agli esperti

Soffro di attacchi di panico

Buongiorno,
è da 1 anno purtroppo che soffro di attacchi di panico. Tutto è cominciato con uno svenimento in metropolitana e dall'ora non ho avuto più il coraggio di prendere autobus e metro. Qualche mese dopo questo attacco di panico ho deciso di rivolgermi ad una psicoterapeuta e dopo 6 mesi la mia situazione non appare migliorata, anzi... in realtà credo che questo sia dovuto al fatto che quando ho fatto psicoterapia mi trovavo ancora nella condizione in cui non riuscivo a fare molto per cambiare le cose. Mi spiego meglio... 7 anni fa mi sono fidanzata con il mio attuale marito da soli 2 mesi e da li sono iniziati i problemi. Mio padre, che è sempre stata una persona nervosa e autoritaria, ha iniziato a dar sfogo a tutta la sua gelosia imponendosi regole, minacciandomi di fare come voleva lui e talvolta alzando le mani. Tutto questo mi ha portata in un situazione di grande stress che s è scatenata con gli attacchi di panico. Durante la psicoterapia, che comunque mi faceva capire che min padre era il problema, mi sono sentita ancora più soffocare perché mi sentivo in trappola, da una parte il voler andare via di casa e dall'altra la paura di poter peggiorare le cose avendo un padre così violento. Quindi pazientemente ho aspettato il giorno del mio matrimonio, circa 2 mesi fa, per poter chiudere ogni rapporto con lui. Speravo di sentirmi meglio, ma sento la sua influenza anche da lontano dato che mia madre e le mie nonne continuano ad insistere di riallacciare i rapporti perché papà è cambiato, cosa che ormai si ripete da anni e sono sicura che non cambierà mai. Con mio marito sto benissimo, lo amo tanto e lui mi è molto vicino in questo periodo. Solo che io non vorrei stare così, non so cosa posso fare per riprendermi e dov è ancora il problema.

Leggi tutto...

Free Joomla! template by L.THEME